Alberto Población

Alberto Población

Visual C#
Spagna
Alberto lavora nel settore dell'informatica da oltre 30 anni, molti dei quali come sviluppatore di software. I suoi successi comprendono la progettazione di un linguaggio 4GL, prima che i linguaggi 4GL diventassero alla moda, la creazione di un programma interprete, di un compilatore, di un link editor e di un debugger per quel tipo di linguaggio, nonché la realizzazione di un IDE per lo sviluppo (prima che gli IDE diventassero comuni nei tool di sviluppo) che veniva compilato in un codice intermedio e interpretato da una macchina virtuale in esecuzione su vari sistemi operativi (simili a Java, ma molti anni prima che Java venisse inventato).
Nel corso degli anni ha occupato quasi tutte le posizioni possibili nello sviluppo del software, inclusa quella di architetto software capo per un piccolo ISV ed è stato anche CTO per un ISP.
Attualmente lavora come sviluppatore freelance e consulente indipendente, occupandosi di formazione come Microsoft Certified Trainer, soprattutto nel campo dello sviluppo software per la piattaforma .Net.
Alberto ha ottenuto il titolo di MVP per la prima volta nel 2006 per i suoi contributi significativi ai forum Microsoft Visual C# di MSDN e, da allora, ha partecipato a vari progetti, tra cui il programma Collaborative Translation Framework, in cui rappresenta il principale collaboratore a livello mondiale, avendo proposto, negli ultimi mesi, la traduzione di circa 1.900 stringhe. Spesso prende parte attivamente ai grandi eventi Microsoft, come TechEd Europe 2013, in cui è stato selezionato come istruttore di laboratori pratici.
É autore del libro ".NET Windows Development: Everyday Tips, Tricks & Optimization" e di vari corsi di formazione on-line e collabora regolarmente alla rivista "DotNetMania".
Sostiene che essere un MVP significa per lui quasi “servire la community”. Quindi, a suo parere, un MVP dovrebbe avere conoscenze tecniche molto approfondite, ma essere anche in grado di dedicare del tempo a risolvere problemi che, talvolta, non presentano una grande complessità tecnica ma sono ugualmente importanti per le persone che chiedono assistenza.
Un MVP, inoltre, molto spesso affronta situazioni in cui la community gli chiede di risolvere problemi la cui soluzione necessita di una conoscenza molto vasta di diversi linguaggi di programmazione, librerie, requisiti di sistemi operativi e configurazioni, DB, strumenti di comunicazione e così via. Considera quindi se stesso un esperto “generalista” più che “specialista”. Ha ottenuto più di 60 certificazioni ufficiali Microsoft. “Questa conoscenza di un'ampia gamma di tecnologie mi consente di aiutare gli altri a risolvere problemi che coinvolgono tecnologie diverse“, afferma.
Ricorda i tempi di “Visicalc”, il primo foglio elettronico che, a suo parere, ha reso i personal computer interessanti non solo per gli appassionati di tecnologia ma anche per gli analisti di business. Alberto apprezza il rapporto tra MVP e Microsoft, ma mantiene un senso critico su alcuni aspetti. Vorrebbe vedere Microsoft maggiormente orientata ai clienti e ai partner rispetto ad oggi.
Alberto ha in mente un paio di progetti, alcuni dei quali relativi allo sviluppo di applicazioni e alla creazione di contenuti che, a suo parere, potrebbero essere realizzati e portare diversi vantaggi. Ha fiducia nel futuro. “Come professionista freelance devo attirare i clienti e alcuni di loro arrivano a me grazie al mio titolo di MVP”, afferma.
Contatti
Alberto Población